Appalti a Bari, grandi occasioni soprattutto per i lavori

C’è grande fermento in Puglia, per quanto riguarda gli interventi promossi dalle amministrazioni pubbliche negli ambiti di richiesta di lavori, forniture e servizi di ogni tipo. Per orientarci al meglio in quella che rischia di essere una giungla di offerte, abbiamo chiesto alla redazione di Appaltitalia, il portale italiano più aggiornato in questo campo, di stilare un veloce elenco degli appalti a Bari, concentrandoci proprio sulle opportunità aperte nel capoluogo e nelle zone limitrofe.

Porta Futura, al via la fase 2. Dopo i risultanti incoraggianti ottenuti con la prima fase, continuano le operazioni per completare il progetto di “Porta Futura”, hub urbano per servizi sperimentali di accoglienza, orientamento e formazione al lavoro dei cittadini baresi. Il Comune di Bari, infatti, ha pubblicato un bando destinato alla “realizzazione del progetto ‘PORTA FUTURO BARI – FASE 2‘, officina di orientamento, formazione e innovazione sociale, presso la ex Manifattura Tabacchi”, che consentirà di proseguire con gli interventi già previsti e interamente finanziati con fondi regionali “APQ SVILUPPO LOCALE FSC 2007/2013”. L’appalto sarà aggiudicato in favore del prezzo più basso, determinato mediante ribasso percentuale unico, e il plico per l’ammissione alla gara dovrà pervenire entro il termine perentorio delle ore 12:00 del 6.06.2016.

Lavori ferroviari. Decisamente sostanzioso l’intervento richiesto dalla società Ferrovie del Sud Est e Servizi Automobilistici, che ha come oggetto la “progettazione esecutiva e esecuzione lavori per la realizzazione del nuovo deposito – officina di FSE in Bari (Mungivacca) e la Soppressione del P.L. al km 4+116 della linea Bari – Taranto della FSE in Bari (Mungivacca)”. Il valore totale delle opere, infatti, si aggira intorno ai 29 milioni di euro; per l’aggiudicazione sarà valutato il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, e i termini per la presentazione delle proposte sono fissati alle ore 13 del 20.06.16.

Raddoppio della tratta. Importante anche un altro bando che rientra nella categoria dei lavori ferroviari: per la precisione, parliamo dell’appalto “per la progettazione esecutiva e la esecuzione dei lavori, per la realizzazione del raddoppio della tratta Corato – Andria della linea ferroviaria Bari – Barletta (opere civili, armamento, trazione elettrica) della Ferrovia Bari – Barletta”, promosso dall’ente Ferrotramviaria (Ferrovie del Nord Barese). In questo caso, l’importo complessivo a corpo è infatti pari a 33.427.222,63 euro; i tempi previsti per l’esecuzione delle opere sono 820 giorni dalla data di aggiudicazione, e le domande di partecipazione possono essere inviate entro il giorno 1 luglio.

Forniture informatiche. Cambiamo categoria, per segnalare la gara indetta da InnovaPuglia, Soggetto aggregatore della Regione Puglia, relativa alla “procedura aperta in modalità telematica per la stipula di un Accordo Quadro multi-fornitore per acquisto di strumentazione informatica, di dispositivi di telefonia mobile e servizi connessi a favore degli Enti e delle Amministrazioni della regione Puglia”, in lotto unico. La documentazione è disponibile in formato elettronico sul profilo del committente www.innova.puglia.it e sulla piattaforma EMPULIA indirizzo internet: www.empulia.it. e le domande di partecipazione devono essere presentate entro il termine perentorio delle ore 12.00.00 del 03/06/2016. L’importo complessivo previsto è di 13.540.682,40 euro.

Servizi in ambito sanitario. Nel settore dei servizi troviamo un interessante appalto avviato dall’Istituto Nazionale di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico “Saverio de Bellis” di Castellana Grotte, in provincia di Bari, inerente all’affidamento del servizio di gestione e manutenzione delle apparecchiature elettromedicali e ad alta tecnologia presenti nell’ospedale. Nello specifico, si legge nel bando, si tratta dell’affidamento del servizio di mantenimento operativo, manutenzione ordinaria, straordinaria, preventiva e correttiva nonché la verifica della conformità alle vigenti normative tecniche, antinfortunistiche e della sicurezza del parco attrezzature – apparecchiature elettromedicali, biomedicali, di laboratorio e in generale di tutte le apparecchiature di supporto all’attività diagnostica e clinica allocate presso le varie UU.OO. presenti nell’I.R.C.C.S. “S. de Bellis”, comprese le apparecchiature ad alto contenuto e complessità tecnologica. Il contratto avrà durata di 60 mesi, con una possibilità unica di rinnovo per un anno ulteriore, e un valore stimato in 6.015.000 euro.

Angelo Vargiu

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *