Degrado, dalla Puglia la denuncia di una mamma.

Con la speranza che si intervenga positivamente a questa vicenda, dedichiamo l’editoriale alla denuncia di una giovane mamma pubblicata sulla testata giornalistica online ViviWebTv riguardante lo stato di degrado di alcuni parchi gioco di Castellaneta, un piccolo comune della provincia di Taranto in Puglia e noto per essere luogo di nascita del mito del cinema muto Rodolfo Valentino.

La donna ha riportato con foto e commenti la sciatteria con cui l’amministrazione comunale ha ridotto spazi divertimento per i più piccoli; sono evidenti dalle immagini la pericolosità di alcuni giochi e la sporcizia che li circonda. «Non solo i giochini sono pericolosamente danneggiati ma manca proprio l’igiene minima» si rivolge la mamma al sindaco di Castellaneta. E sul suo profilo Facebook rinforza «Gli assorbenti usati, i vetri, i ferri sporgenti, la plastica tagliente, le vacche di cane. Come può questa incuria educare i paesani al rispetto del prossimo? Un comune deve essere esempio e guida di civiltà. Devo davvero mettermi a ripulirli io i parchetti?».

degrado castellaneta
degrado castellaneta
degrado castellaneta

Post che ha scatenato l’indignazione di molte mamme, in particolare di una che in un commento ha messo in evidenza la responsabilità che ciascun civile deve avere «Il problema è la mancanza del rispetto della “cosa comune”. Se ognuno di noi imparasse a non buttare carte, bottigliette, lattine…ecc. un tantino di cambiamento ci sarebbe. In più nessuno viene multato per le azioni distruttive e….il risultato è lo schifo “comune”. Peccato perché abbiamo mare…sabbia…pineta in abbondanza!»

La speranza è che questa voce tra tante sia stata ascoltata da chi dovrebbe preoccuparsi in prima persona delle condizioni degli spazi in cui i cittadini vivono staccandosi dalla poltrona riscaldata del proprio ufficio per vigilare e intervenire subito, soprattutto se in pericolo c’è l’incolumità dei bambini.

 

L’articolo Degrado, dalla Puglia la denuncia di una mamma. sembra essere il primo su L’ALTRAITALIA.

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.