Addio alla maggior tutela per luce e gas dal 2022, come prepararsi per il mercato libero

Dopo diversi rinvii, l’addio al mercato tutelato per luce e gas è previsto per il primo gennaio del 2022. Cosa significa questo per un consumatore? Come si deve agire per non farsi trovare impreparati? Vediamo di fare chiarezza.

Maggiore tutela per luce e gas: cosa significa?

Chi ha un contratto per l’energia elettrica o per il gas in regime di maggior tutela paga le bollette secondo le condizioni fissate e tutelate dalla Autorità per l’Energia. Nel mercato libero, invece, ogni fornitore stabilisce arbitrariamente i prezzi in un regime di libera concorrenza.

Secondo l’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) nel 2019 i clienti in regime di maggior tutela per l’energia elettrica erano il 57% del totale, mentre per il gas il dato si fermava al 53%. I restanti si sono rivolti al mercato libero.

Dal punto di vista tecnico, nella maggior tutela è l’Autorità a stabilire il costo del smc o del kWh, a seconda del prezzo che questi hanno nel mercato degli idrocarburi. E’ intuitivo capire che questo sistema da una parte garantisce la trasparenza dei prezzi, ma dall’altra non consente di fare ciò che offre il mercato libero, e cioè tariffe personalizzate in base alle esigenze delle famiglie.

Vuoi risparmiare sulle bollette di luce e gas? Confronta le migliori offerte su Tiscali tagliacosti!

Cosa succede il primo gennaio del 2022?

Semplicemente, scomparirà il regime di maggior tutela e tutti i consumatori passeranno obbligatoriamente al mercato libero.

Di fatto, lo scenario più probabile sarà quello di avere prezzi migliori, sicuramente una maggior concorrenza e la possibilità di avere tariffe personalizzate (e quindi tendenzialmente più economiche) a seconda delle proprie esigenze, familiari o lavorative.

Come si intuisce, non sarà più l’ARERA a dare indicazioni sui prezzi, ma sarà il regime di libera concorrenza a formarli ed equilibrarli.

Come ci si dovrebbe preparare a questa “rivoluzione”?

I vantaggi in bolletta possono essere notevoli: non ha senso aspettare al 2022, all’ultimo momento, per cogliere le occasioni che già oggi il mercato offre.

Non tutti, però, si può essere esperti di gas, di kWh, di costi di produzione e di tutti i tecnicismi complessi che riguardano questo settore.

La cosa migliore da fare è rivolgersi a un comparatore di prezzi, come Tiscali tagliacosti. Questo sito offre un servizio di confronto, del tutto gratuito, tra i più conosciuti e affidabili fornitori di energia elettrica e gas.

L’utilizzo è semplicissimo: dalla home page si sceglie se confrontare le offerte separate di luce o gas, oppure se optare per una offerta congiunta di luce e gas. Comparirà subito una pagina con le migliori offerte selezionate dal portale, e ordinabili, oltre che secondo la pertinenza, anche per prezzo crescente o decrescente.

A quel punto si digita un numero di cellulare e si viene richiamati in brevissimo tempo cliccando su “Ti chiamiamo noi”. La consulenza telefonica è completamente gratuita.

Quali sono i motivi per servirsi di un comparatore come Tiscali tagliacosti? Prima di tutto il risparmio: scegliendo con attenzione il fornitore si può spendere anche il 23% in meno rispetto all’attuale.

Poi, per la sua semplicità e immediatezza di utilizzo, e quindi per l’enorme risparmio di tempo che si sarebbe sprecato confrontando una per una le offerte. Un colpo d’occhio, e già ci si può fare un’idea di massima sui vari fornitori.

E ancora, nel vantaggio di avere una consulenza telefonica gratuita che permette, tramite una semplice chiacchierata, di adattare l’offerta alle proprie esigenze di consumo, personali e familiari.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Lupo:uccise 20 pecore ad Ayas,associazioni lanciano allarme

Ven Giu 12 , 2020
(ANSA) – AOSTA, 12 GIU – Dopo l’ultimo attacco ad Ayas di un lupo a un gregge di pecore, in cui sono morti 20 animali, le associazioni degli allevatori lanciano l’allarme e parlano di “situazione di emergenza”. “La situazione è davvero insostenibile per le realtà agricole già fortemente penalizzate dall’emergenza […]

Archivio