Alimenti: effetto lockdown sul cibo, meno sprechi e più qualità 

Effetto lockdown sul cibo, meno sprechi e più qualità nelle case

Meno spreco di alimenti e più attenzione alla qualità. Il Rapporto #iorestoacasa 2020 dell’Osservatorio Waste Watcher di Last Minute Market / Swg indaga come è cambiato il rapporto con il cibo durante le settimane di lockdown. L’indagine Waste Watcher, diffusa dalla campagna Spreco Zero, è stata condotta dal 29 aprile al 5 maggio su 1200 soggetti secondo un campione statistico per sesso, età, macroaree di residenza, ampiezza del comune di residenza.

“Il primo dato rilevante è legato allo spreco del cibo – spiega il fondatore della campagna Spreco Zero Andrea Segrè – perché in quarantena l’acquisto di generi alimentari è decisamente aumentato: 1 italiano su 3 ha fatto la spesa più frequentemente e sempre 1 italiano su 3 ha acquistato maggiore quantità di cibo rispetto al passato. Ma più ancora della quantità, cresce la qualità del cibo acquistato in lockdown per il 34% degli italiani“.

Sul piano della tipologia di alimenti, gli intervistati sembrano dividersi equamente fra cibi freschi e cibi confezionati. Proprio queste scelte di acquisto si sono tradotte in una maggiore attenzione alla gestione del cibo comprato. “E’ stimata infatti in 430 grammi la quantità del cibo sprecato a casa settimanalmente – annuncia Segrè – un dato coerente con il trend registrato dal rapporto Waste Watcher 2020 (diffuso in occasione della Giornata nazionale di prevenzione dello spreco, 5 febbraio), quando il calo di spreco era stato di circa il 25% in meno rispetto al 2019″.

Monitorando lo spreco di una sola giornata, nulla finisce nella pattumiera per 6 italiani su 10 (61%). Ma cosa abbiamo sprecato, soprattutto, in periodo di quarantena? In termini di frequenza, verdura e frutta restano in testa alla ‘hit’ degli sprechi, seguite da pasta e riso cotto, prodotti in scatola, carne e pane. In termini di quantità, invece, è soprattutto il pane a pesare con 40g in media per porzione gettata, seguono i legumi (37 g), prodotti in scatola (34 g) e quindi frutta e verdura (32 g e 31 g).

Scarso, secondo l’indagine, l’utilizzo da parte degli italiani del food delivery: quasi 1 italiano su 2 (48%) dichiara a priori di non volerlo praticare e per chi invece prevede la possibilità di farsi recapitare a casa del cibo pronto la periodicità è estremamente diradata, meno di una volta a settimana per 1 italiano su 3 e da 1 a 6 volte per 1 italiano su 5 (20%).

Grande attenzione alla cucina nelle settimane di lockdown: se 1 italiano su 3 dichiara di aver dedicato alla preparazione del cibo lo stesso timing cui era abituato, ben 7 italiani su 10 si sono cimentati ai fornelli con frequenza più rilevante rispetto a prima, e ben 4 su 10 lo hanno fatto con rilevanza estremamente superiore rispetto al passato.

Sul fronte degli acquisti, meno di 1 italiano su 5 (18%) si è affidato agli acquisti on line, per 3 italiani su 4 (76%) la meta di riferimento resta il supermercato e per 4 italiani su 10 i negozi al dettaglio (fruttivendoli, forni, macellai, pescherie, ecc…); se praticabile, il mercato rionale per 1 intervistato su 10.

Per i pochi che scelgono l’acquisto online, sono i grandi e-commerce a fare la parte del leone per ben 1 italiano su 2 (50%), mentre per altri 4 acquirenti on line su 10 la scelta ricade sullo stesso supermercato, tramite consegna (44%), 1 su 4 sceglie produttori locali (24%).

E il confronto con la bilancia? Quattro italiani su 10 (41% degli intervistati) dichiarano di aver conservato lo stesso peso che avevano prima della quarantena, per gli altri 6 si profila invece un periodo di regime alimentare controllato: 1 su 4 ha preso oltre 2 kg (24%), e 1 su 5 ha contenuto l’aumento di peso entro i 2 chili. Ma c’è persino che dichiara di essere dimagrito, poco meno di 1 italiano su 10 (8%).

Nella parte a valle della filiera del cibo ci sono i rifiuti: e gli italiani in lockdown hanno prestato grande attenzione a non farsi sommergere da quel che resta del cibo. Per 1 italiano su 2 (50%) la quantità di rifiuti è rimasta la stessa del periodo ante-quarantena. Per 1 italiano su 5 (19%) la quantità è scesa (fra i 300 e i 500 grammi in oltre 6 casi su 10), e per 1 intervistato su 4 (26%) la quantità è aumentata (fra 300 e 500 grammi settimanali in 1 caso su 2).

L’Osservatorio Waste Watcher si è costituito per iniziativa di Last Minute Market / Swg in partnership con Expo 2015, per fornire strumenti di analisi dello spreco di cibo e delle abitudini alimentari degli italiani, insieme agli impatti di natura sociale, ambientale, economica.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Mobilità: A Modena un hub per spostamenti sostenibili

Gio Mag 14 , 2020
Nasce a Modena un nuovo hub per la mobilità sostenibile che si propone come punto di incontro tra startup innovative nel mondo della green mobility e investitori. L’iniziativa è stata lanciata da Vaielettrico.it, il portale della mobilità elettrica fondato da Mauro Tedeschini, Massimo Degli Esposti e Andrea Prandi, con una […]

Archivio