Attesa terminata, domani l’inaugurazione delle nuova chiesa a Catino

Mattoncino dopo mattoncino. Parafrasando questa frase, vien fuori un’opera d’arte. Un’attesa durata 22 anni per i residenti del quartiere Catino a nord di Bari e facente parte del 5° Municipio: domani pomeriggio alle ore 18.30 verrà inaugurata la nuova chiesa che conserva il clone dell’icona sacra di San Nicola presente in Basilica. Già traslati tutti gli arredi sacri e simulacri, Don Luciano Cassano rettore della stessa parrocchia promette una grande festa e momento di unione e condivisione spirituale: “Carissimi amici, con grande gioia vi annuncio che martedì 26 aprile 2016 alle ore 18:30 ci sarà l’apertura al pubblico della nuova chiesa di San Nicola in Bari-Catino, con il Rito Solenne della Dedicazione e consacrazione. Tutti siete invitati”. 

Ma ripercorriamo attraverso la cronaca di un paio di anni fa, il momento solenne della posa della prima pietra, benedetta tra l’altro anche da Papa Francesco, in questo articolo di seguito datato 12 maggio 2014.

“Venti anni d’attesa; venti anni di speranza. Oggi finalmente la posa ufficiale della prima pietra che fra circa due anni vedrà realizzarsi la nuova parrocchia di San Nicola nel quartiere Catino.

Uno sforzo che ha visto protagonista l’attuale parroco della chiesa intitolata al santo patrono di Bari, don Luciano Cassano, ma anche le altre comunità del posto, i fedeli e non ultimo il Santo Padre che ha benedetto, qualche giorno fa a Roma, la stessa pietra posata quest’oggi.

Innumerevoli le presenze sul futuro sagrato dell’edificio sacro: le comunità del posto, le autorità, politici e giornalisti. Insomma, un’unione di persone che hanno voluto omaggiare e inaugurare l’inizio dei lavori.

Una cerimonia sobria, ma sentita ed emozionante presieduta da sua eccellenza Francesco Cacucci, il quale ha voluto precisare che questa nuova struttura non sorgerà e non sarà in periferia: solo le periferie dei cuori restano tali”.

Dunque, appuntamento a domani ore 18.30 a S.Spirito zona Catino.

La Redazione

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *