Bari, al via giovedì 2 maggio il nuovo servizio di educatori di strada rivolto agli adolescenti a rischio devianza nei quartieri periferici

nuovo servizio di educatori di strada

I dettagli

BARI – Partirà giovedì 2 maggio il nuovo servizio di educatori di strada promosso dall’assessorato al Welfare e realizzato dall’Ats composta dalla cooperativa San Giovanni di Dio e dalla SSG. Tre pulmini attrezzati percorreranno, per 20 ore settimanali, le strade dei quartieri più complessi della città per intercettare ragazze e ragazzi a rischio di devianza ed esclusione sociale e stabilire con loro un rapporto di fiducia.

Dopo l’Unità di strada a contrasto delle dipendenze e a sostegno delle persone senza dimora, il Segretariato sociale itinerante e i mediatori culturali itineranti – ha dichiarato questa mattina l’assessora al Welfare Francesca Bottalico durante la presentazione del progetto – oggi concludiamo il percorso programmato in questi 5 anni per l’avvio di progetti on the road, che hanno modificato i servizi del Welfare con l’introduzione di azioni e attività di prossimità in forma itinerante. Ciò che ci ha spinti e guidati è stata la volontà di andare verso le persone, specialmente quelle che difficilmente si avvicinerebbero ai servizi, e nelle periferie, investendo sulle comunità, sui giovani e sui legami che sono in grado di costruire. A partire da giovedì prossimo undici operatori specializzati, tra educatori e animatori, gireranno nei quartieri più complessi cercando di stabilire relazioni di fiducia con i ragazzi che incontreranno nelle piazze, sui campi di calcio o agli incroci delle strade, adattandosi ai loro luoghi e tempi di vita“.

L’articolo Bari, al via giovedì 2 maggio il nuovo servizio di educatori di strada rivolto agli adolescenti a rischio devianza nei quartieri periferici sembra essere il primo su Puglia News 24 quotidiano online, giornale notizie ultim’ora.

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.