Convegno SANOFI a Bari, crescita, salute e sviluppo

Può frenare un ragazzo col diabete di tipo 1 a non poter condurre la sua vita regolarmente come altri? Durante il convegno promosso da SANOFI – #5innovazioni nella giornata di ieri presso lo spazio “Impact Hub” all’interno della Fiera del Levante si è parlato di questo e tanto altro, di informazione, cura, prevenzione e tecnologia rapportata alle esigenze di queste persone dotate come noi, rispettabili come tutte e meritevoli di una vita serena e felice. Di seguito il resoconto della serata e i temi affrontati.

In Puglia quasi il 50% delle persone con diabete non riesce a gestire correttamente lo stile di vita. Lo rivelano le anticipazioni di una ricerca realizzata per Sanofi da GfK, che ha coinvolto 500 persone con diabete in tutta Italia. I dati sono stati presentati ieri sera nello spazio Impact Hub Bari durante la tappa barese del tour di #5innovazioni, il contest promosso da Sanofi Italia per far emergere le migliori pratiche sul diabete.

La ricerca realizzata da GfK
In Puglia solo 1 persona con diabete su 2 esegue l’autocontrollo della glicemia correttamente, anche se il 90% ha una buona aderenza alla terapia. Le aree di insoddisfazione sono legate soprattutto alla gestione dello stile di vita: meno del 50% si dichiara soddisfatto di come riesce a seguire la dieta e mantenere la forma fisica. Si rileva un disagio dei pazienti rispetto alla consapevolezza generale delle loro necessità: il 40% degli intervistati si auspica maggior sensibilità da parte degli altri. Buona soddisfazione per il proprio medico di riferimento in quanto a competenza, disponibilità e ascolto, ma circa l’80% dei pazienti si dichiara insoddisfatto su accessibilità e tempo dedicato alle visite. A questo link il comunicato stampa con i dati.

A Bari l’innovazione sul diabete passa dalla scuola
Per l’associazione pugliese APGD la sensibilizzazione parte dai banchi di scuola. Per questo ha promosso il progetto “Vivere bene… con il diabete a scuola”, tra i 5 finalisti del contest #5innovazioni. Obiettivo: migliorare la vita scolastica di bambini e ragazzi con diabete attraverso la formazione del personale e garantire – anche durante l’orario scolastico – i controlli della glicemia, la somministrazione dei farmaci, la gestione di eventuali crisi ipoglicemiche, l’adeguata alimentazione, lo svolgimento in sicurezza di attività sportive. E persino predisporre un “angolo relax” dove misurarsi la glicemia in tranquillità. Il tutto con l’esperienza di professionisti del settore e il supporto di materiali informativi come presentazioni e brochure. Ma anche con la realizzazione di un cortometraggio, “Dolce come il miele”, in cui i ragazzi parlano della loro malattia. Fino ad oggi l’iniziativa è stata portata in 14 scuole di tutta la regione e sono già in programma altre sei tappe nei prossimi mesi.

Di seguito alcune foto dell’evento.

 

La Redazione

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *