Coronavirus: call center Pat,in 2 mesi oltre 4.000 richieste

(ANSA) – TRENTO, 14 MAG – In due mesi di attività durante l’emergenza coronavirus, il call center ‘#Resta a casa passo io’, coordinato dal Dipartimento salute e politiche sociali della Provincia di Trento in collaborazione con la Protezione civile, ha evaso oltre 4.000 richieste, di cui il 56% direttamente dagli operatori provinciali, il restante 44% dai servizi sociali territoriali. Il 37% delle richieste era relativo ad un bisogno di tipo informativo, il 27% riguardava spesa di generi alimentari, il 21% era per farmaci e circa il 12% riguardava la necessità di sostegno relazionale.
    Nel progetto sono stati coinvolti infatti tutti i servizi sociali delle Comunità di Valle con la loro rete di associazioni locali di volontariato locali, oltre che Croce Rossa, Protezione civile e Psicologi dei Popoli.
    Da sabato 16 maggio gli anziani sopra i 75 anni, le persone fragili, malate e senza rete familiare, per necessità come la spesa, i farmaci o il semplice ascolto, potranno rivolgersi al numero di telefono 0461 495244 dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 12 e dalle ore 14 alle ore 17. Rimane invece attivo dalle 8 alle 20, sette giorni su sette, la Centrale unica di emergenza del Dipartimento della Protezione civile di Trento con il numero verde 800867388 per informazioni tecniche e sanitarie sul coronavirus. (ANSA).
   

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Fase 2:pediatri V. d’Aosta, no a rientro anticipato a scuola

Ven Mag 15 , 2020
(ANSA) – AOSTA, 14 MAG – I pediatri di libera scelta della Valle d’Aosta si oppongono all’ipotesi di anticipo del rientro nelle scuole, a maggio e per tutto giugno, su cui sta lavorando la giunta regionale.    “Ci siamo dichiarati in generale contrari a una ripresa anticipata, che non avesse le […]

Archivio