Coronavirus: Gruppo Logistico Ldi lancia Packaging System 4.0 per ecommerce 

Gruppo Logistico Ldi lancia Packaging System 4.0 per ecommerce

Nel nuovo mondo post Covid-19 l’e-commerce cresce come mai era avvenuto prima (durante il lockdown ha triplicato i nuovi consumatori) e ora diventa anche più ecosostenibile ed efficiente grazie a un innovativo sistema di confezionamento 4.0 che realizza la scatola su misura dell’oggetto da spedire. È una nuova storia italiana di innovazione con molti vantaggi. Per noi consumatori sono imballi con un minore impatto ambientale, grazie a una tecnologia che utilizza meno cartone, riduce i materiali di imballo, facilita il reso e lo smaltimento. Per le aziende e-commerce comporta un forte aumento della produttività, una notevole riduzione dei costi di imballo, ottimizzazione degli spazi di magazzino e un miglior servizio ai clienti.

È il nuovo ‘Smart Packaging System 4.0’ presentato dal Gruppo Logistico Ldi, un hub per l’e-commerce alle porte di Roma. Un progetto realizzato in collaborazione con il ‘Centro di ricerca per i trasporti e la logistica’ dell’Università La Sapienza, cofinanziato da Lazio Innova. “E’ un magazzino per le aziende di e-commerce che spediscono grandi quantità di scatole con dimensioni diverse, il suo fine linea è automatizzato e il packaging è realizzato su misura dell’oggetto da spedire”, ha dichiarato Alessandro Bursese, ad del Gruppo Logistico Ldi.

“È composto da una macchina confezionatrice unica al mondo, che confeziona in automatico e in tempo reale scatole di cartone di diverse dimensioni, e da un insieme di servizi, spazi, tecnologia, processi e personale specializzato, il tutto ingegnerizzato con logica circolar economy. La macchina si chiama Cmc Cartonwrap ed è prodotta da Cmc, un’azienda umbra leader nel mondo del packaging”, ha aggiunto.

“Tanti i vantaggi: lato ambientale un minore utilizzo di materiali, le scatole hanno un’apertura facilitata e possono essere usate per il reso, i materiali di riempimento si abbattono, quasi azzerato l’uso di nastro adesivo, collanti o altri prodotti chimici che ne compromettono lo smaltimento”, ha spiegato.

“Per le aziende significa alta produttività, qualità del servizio e abbattimento dei costi. Non devono più immagazzinare scatole di dimensioni multiple, conseguente minore spazio di magazzino, nessun rischio di non avere la scatola della dimensione corretta, il sistema di etichettatura per la spedizione è integrato, alta produttività (realizza fino a 1.000 scatole in 1 ora)”, ha sottolineato.

“Per non parlare dell’immagine positiva percepita dai clienti, che hanno a cuore un minore impatto ambientale legato ai loro acquisti, consegne veloci, imballaggi semplici da aprire, facilità nel processo di resa”, ha concluso.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Moda: t-shirt in cotone rigenerato, 30 lt di acqua e zero prodotti chimici 

Gio Mag 14 , 2020
Dal giovane brand pratese Rifò IN PRIVATO Pubblicato il: 14/05/2020 12:10 Trasformare un capo percepito come ‘usa e getta’ in uno che duri nel tempo. Con questo obiettivo, Rifò, giovane brand pratese di moda ecosostenibile, lancia la terza generazione della sua t-shirt rigenerata che vede l’utilizzo di 30 litri di […]

Archivio