Coronavirus: Wwf chiede stop definitivo mercati animali selvatici 

Da oggi attiva petizione rivolta all’Organizzazione Mondiale della Sanità

IN PUBBLICO
Wwf all'Oms: stop definitivo ai mercati di animali selvatici

Chiudere immediatamente i mercati in cui si commerciano animali selvatici, vivi o morti. Rafforzare le attività di contrasto al commercio illegale di specie protette e lavorare per ridurre la domanda di prodotti derivati da specie selvatiche attraverso l’aumento di controlli, di sanzioni e attraverso una corretta informazione delle persone che sono coinvolte in queste attività. Sono queste le richieste di una petizione rivolta all’Organizzazione Mondiale della Sanità, lanciata oggi dal Wwf Italia che chiede ai cittadini di sostenere la richiesta rivolta alle istituzioni internazionali.

“La pandemia legata al contagio da Covid-19 – sottolinea il Wwf – ha messo in luce il collegamento tra le malattie zoonotiche (quelle che si trasmettono dagli animali all’uomo) e il commercio di animali selvatici, in particolare nei mercati asiatici. Il 60% delle malattie infettive emergenti sono trasmesse all’uomo da animali e fra queste più del 70% deriva da animali selvatici. Malattie pericolose come Sars, Ebola, Dengue e molte altre ancora, sono collegate al nostro crudele sfruttamento di animali selvatici”.

Con il report “Pandemie, l’effetto boomerang della distruzione degli ecosistemi”, il Wwf ha evidenziato come la diffusione delle malattie virali siano intimamente legate alla distruzione degli ambienti naturali e al commercio, legale e illegale di specie selvatiche: un commercio che avviene in condizioni igienico-sanitarie inesistenti e a stretto contatto con le persone che affollano ogni giorno questi luoghi.

Qui, i virus riescono a passare da specie a specie e dagli animali all’uomo con un meccanismo chiamato spillover. Sembra sia stato proprio questo il meccanismo con cui da un mercato cinese, a Wuhan, si sia generata l’epidemia del coronavirus. Il Wwf chiede, quindi, all’Organizzazione Mondiale per la Sanità di avviare subito tutte le azioni necessarie affinché i mercati di animali selvatici, focolai di pericolose malattie, vengano definitivamente chiusi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Picchiò compagna in strada a Bari, preso

Gio Apr 16 , 2020
(ANSA) – BARI, 16 APR – E’ stato arrestato dalla Polizia l’uomo che sabato scorso era stato immortalato in un video mentre picchiava violentemente per strada la propria compagna 23enne a Bari. L’uomo, un pregiudicato barese di 45 anni, da poco uscito dagli arresti domiciliari e sottoposto ad obbligo di […]

Archivio