Dagli asteroidi gli ingredienti della vita sulla Terra

Gli ingredienti alla base della vita sarebbero arrivati sulla Terra, e probabilmente su Marte, con gli impatti di asteroidi. Lo indica la simulazione condotta in Giappone, dal gruppo dell’università di Tohoku guidato da Yoshihiro Furukawa, e pubblicata sulla rivista Scientific Reports.

L’esperimento ha simulato l’impatto di asteroidi nell’oceano, dimostrando che eventi del genere possono innescare reazioni chimiche tali da portare alla formazione dei mattoni delle proteine. Il risultato è un’ulteriore conferma di quanto gli asteroidi siano stati importanti per la vita sulla Terra, come avevano indicato in passato anche esperimenti italiani, come quelli guidati da Raffaele Saladino ed Ernesto di Mauro, dell’università della Tuscia a Viterbo, secondo i quali gli ingredienti della vita sono stati portati dai meteoriti mentre le reazioni chimiche per la formazione di molecole biologiche sono state attivate dall’acqua.

Per simulare le reazioni che si innescano quando un meteorite cade nell’oceano i ricercatori giapponesi hanno riprodotto le condizioni presenti sulla Terra circa 4 miliardi di anni fa, a partite dalla composizione dell’atmosfera, nella quale prevalevano anidride carbonica e azoto. Nella simulazione dell’impatto sono state quindi riprodotte le reazioni i gas atmosferici, l’acqua e il ferro contenuto nel meteorite. Da questo mix è emersa la formazione di amminoacidi come glicina e alanina, che sono componenti diretti delle proteine.

“La scoperta della formazione di amminoacidi da anidride carbonica e azoto dimostra quanto questi composti onnipresenti siano importanti per la formazione dei mattoni della vita”, rileva Furukawa. L’ipotesi che in passato esistesse un oceano su Marte solleva anche altre implicazioni interessanti. Secondo i ricercatori anidride carbonica e azoto sono stati probabilmente i principali gas anche dell”antica atmosfera marziana. Pertanto, la formazione di aminoacidi indotta dall’impatto dei meteoriti potrebbe essere stata anche una possibile fonte di ingredienti della vita sull’antico Marte.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Con fine lockdown in calo l’acquisto di farina e lievito

Mar Giu 9 , 2020
Rallentano nella Fase 2 gli acquisti dei prodotti “superstar” della spesa alimentare del lockdown: a maggio, secondo le ultime rilevazioni rilasciate da Coop Italia, “la crescita tendenziale della farina è passata dal +180% di aprile al +68%, pasta e riso dal +10% al +8%, le conserve di pomodoro dal +36% […]

Archivio