Fase 3, Paganini: “Lo Stato ci ha lasciati soli e io ho chiuso la mia scuola di danza” 

SPETTACOLO
Fase 3, Paganini: Lo Stato ci ha lasciati soli e io ho chiuso la mia scuola di danza

(Foto Ipa/Fotogramma)

“Lo Stato ci ha lasciato soli. Ha dato delle regole ma poi se ne è lavato le mani. E molti di noi hanno dovuto chiudere, come nel mio caso, le loro scuole di danza. Servono decreti, serve rigore. Ma anche personalità competenti al comando”. E’ quanto ha dichiarato all’Adnkronos l’étoile internazionale Raffaele Paganini, commentando l’approvazione delle linee guida, da parte della Conferenza Stato-Regioni, per la riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative.

Ed ha proseguito: “Il governo non ha capito che tutto lo spettacolo dal vivo ha un costo e non vive di sponsor e donazioni. A parte alcuni nomi illustri e gloriosi raramente dietro ogni evento si crea un vero e proprio business, come in altre categorie dello spettacolo. Se si aggiungono poi ‘divieti’, regole e paletti, come nel caso delle recenti linee guida, la situazione non può che peggiorare e soprattutto scoraggiare. E così, infatti, è stato. Non si può chiedere di aprire i teatri con pochissimi spettatori, non si può chiedere di fare le prove o la classe collegati sui social. Lo Stato ci chiede di cambiare vita – ha aggiunto Raffaele Paganini- ma senza darci gli strumenti necessari. Ho amici rimasti senza lavoro. Me ne dispiaccio, mi piange il cuore. Ma servono persone pratiche con le idee ben chiare. Io comunque – ha concluso – non perdo la speranza di poter riaprire la scuola con i miei 120 allievi, magari a settembre”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Design: Ied, 86% neodiplomati ha trovato un impiego creativo a un anno da fine studi  

Mer Giu 10 , 2020
Pubblicato il: 10/06/2020 19:29 L’86% dei neodiplomati Ied ha trovato un impiego creativo nelle aree del design, della moda, delle arti visive e della comunicazione ad un anno dalla conclusione degli studi. Non solo opportunità di stage: il 18% di essi ha guadagnato già nel primo semestre dopo il diploma […]

Archivio