Fase 3, Paolo Ingrassia: con Dist-i scuola, fiere ed eventi in sicurezza

“Non solo emergenza coronavirus: il dispositivo si può prestare a molti altri utilizzi, in un’ottica di lungo periodo”

Garantire il corretto distanziamento, per ridurre il rischio di contagio da Covid-19. Obiettivo non semplice da raggiungere, ma che oggi, grazie al braccialetto high-tech Dist-i band – ideato e progettato da alcuni ingegneri italiani esperti di elettronica di precisione nel settore difesa, in collaborazione con la Rd Vision international LTD, società leader nel settore – può essere ottenuto con facilità. In azienda, innanzitutto. Ma anche a scuola, nelle aree comuni di interazione, così come nelle palestre. E perché no, nei ristoranti, nei teatri, nei cinema e in tutte le manifestazioni con una forte densità e mobilità di utenti – si pensi a concerti, fiere e congressi, che stanno per ripartire – dove è davvero difficile il rispetto delle indicazioni minime di sicurezza. È quanto spiega, in una videointervista a LaNotifica.it, Paolo Ingrassia, esperto di marketing e comunicazione, tra i produttori del dispositivo tecnologico, in vendita a imprenditori, organizzatori di eventi e gestori di locali pubblici (maggiori info su dist-i.com).

Ingrassia, membro dei Giovani imprenditori di Confindustria, spiega così il funzionamento di Dist-i band: “Grazie al sistema Bluetooth il braccialetto interagisce con gli altri dispositivi presenti in un determinato spazio e, ogni volta che viene rilevata una distanza inferiore a quella di sicurezza configurata, fornisce dei segnali di allerta ben precisi: vibra e produce un suono, in maniera tale che l’utente, consapevolmente, possa distanziarsi o utilizzare le dovute protezioni. Si tratta quindi di uno strumento di alert attivo, che consente a chi lo indossa di decidere come meglio comportarsi, in maniera autonoma e sicura, in ogni situazione dove è presente il rischio assembramento e, di conseguenza, una maggiore possibilità di contagio”.

Coronavirus, ma non solo. “Dist-i band si può prestare anche a molti altri utilizzi, in un’ottica di lungo periodo – inquadra Ingrassia –. Ad esempio, può essere funzionale per garantire la sicurezza all’interno delle aziende – vedi rischi macchine in movimento per gli operatori a piedi –, nei cantieri, così come per avere l’esatta fotografia dei partecipanti ad un evento, un concerto, oppure per immaginare un ‘dialogo’ diretto tra utente e opere d’arte in un museo”.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

LAVORO. A CONFRONTO CON E. LETTA E SUSANNA CAMUSSO (CGIL) SULLA CRISI ECONOMICA CAUSATA DALL’EPIDEMIA

Ven Giu 12 , 2020
“Il modo in cui la pandemia era stata affrontata all’inizio aveva una lettura totalmente sbagliata. Si diceva che il virus non guardava in faccia a nessuno… per tutti stessa livella, in verita’ succedeva l’opposto. Il modo di resistere alla crisi sanitaria ed economica ha visto una crescita spaventosa delle disuguaglianze” dice Enrico Letta, […]

Archivio