Fmpi Sanità, protesta a Bari di gestori e operatori Rsa e Centri Diurni

terminati-lavori-a-bari-vecchia

BARI – Domani, mercoledì 8 luglio, i gestori e gli operatori dei Centri diurni e delle Rsa aderenti alla Fmpi Sanità si riuniranno sotto la sede della Presidenza della Regione Puglia (dalle 10.30 – Lungomare Nazario Sauro, 33 Bari) per consegnare le chiavi delle proprie strutture. Un gesto simbolico che, tuttavia, racchiude le preoccupazioni di un settore messo in ginocchio dall’emergenza covid e dalle lungaggini amministrative della Regione Puglia.

Centri diurni e RSA sono ormai destinati a una drammatica crisi in termini economici e istituzionali”, spiega il presidente nazionale del settore Sanità della Federazione Medie e Piccole Imprese (FMPI) Alessandro Saracino. “Assistiamo ormai da lunghi mesi all’emanazione di farraginose disposizioni e delibere regionali che portano sempre più nel baratro le aziende di settore, imponendo regole organizzative e strutturali inutili, in termini di sicurezza, per gli assistiti e gli operatori e che pregiudicano inesorabilmente la sopravvivenza delle stesse strutture”.

Una delle storture che più pesa sui centri diurni per disabili è il trasporto sociale, situazione che si è aggravata con l’emergenza covid. “Le strutture – precisa – non sono tenute a effettuare il servizio di trasporto, ma sino a ora l’Asl non si è fatta carico della necessità che invece è di sua competenza. Inoltre regolamenti regionali hanno imposto alle aziende del settore socio sanitario l’introduzione di alcune figure riducendo drasticamente, invece, il numero degli educatori professionali e degli psicologi. In più gli stessi regolamenti hanno imposto adeguamenti strutturali e tecnologici di grande rilievo da un punto di vista dell’impegno economico ma senza misure compensative”. “Dunque, i ritardi nella conversione dei posti e nell’adeguamento tariffario relativi alle nuove figure professionali come medici specialisti, infermieri (peraltro introvabili perché assorbiti dal Pubblico durante il clou dell’emergenza covid) e fisioterapisti hanno reso la situazione lavorativa ed economica insostenibile”.

La Regione Puglia ha imposto alle RSA la realizzazione di veri e propri reparti Covid all’interno delle strutture con costi aggiuntivi per la tutela degli operatori e degli utenti. “Ciò che è più importante evidenziare – dice il presidente del settore Sanità della FMPI – è che la Regione Puglia non ha tenuto conto che queste disposizioni mettono a rischio di contagio sia gli assistiti che gli operatori”.

Dopo mesi di istanze, mirate a chiedere un confronto su questi importanti temi, al Dipartimento Welfare e Sanità della Regione Puglia i gestori delle strutture sono ormai allo stremo delle forze economiche e umane. Ecco perché domani manifesteremo l’impossibilità di continuare a lavorare in questo clima di incertezza e assenza di dialogo su temi così delicati come la salute pubblica e la tutela dei disabili. Per salvaguardare gli assistiti, ma anche i diritti e i posti di lavoro – conclude Saracino – i gestori associati a Fmpi Sanità sono pronti a ricorrere ai tribunali nella speranza che una auspicabile soluzione pacifica con la Regione possa permettere di tornare a operare con serenità nel bene di tutti”.

L’articolo Fmpi Sanità, protesta a Bari di gestori e operatori Rsa e Centri Diurni sembra essere il primo su Puglia News 24.

La Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Bari, parte domani la seconda azienda per il servizio di monopattini sharing

Mar Lug 7 , 2020
BARI – Domani, mercoledì 8 luglio, alle ore 11, in corso Vittorio Emanuele, nei pressi del cavallo di Ceroli, la BIT mobility, seconda azienda ammessa alla manifestazione d’interesse per il servizio di monopattini sharing, presenterà la flotta dei monopattini che saranno in circolazione in città e che si andranno ad […]

Archivio