Il turismo a Canosa riprende vitalità con le attività della FAC

Il turismo a Canosa riprende vitalità con le attività della FAC

Aver visto i turisti percorrere quelli che un tempo furono i luoghi nei quali trovarono sepolture i dauni, antica popolazione di Kanysion, poi Canusium in epoca romana, riempie di soddisfazione e speranza per il futuro, non solo le guide turistiche, che li hanno accompagnati ed eruditi sui fasti di quella antica e nobile civiltà ma anche la cittadinanza intera che vede nel turismo una possibile
fonte di sviluppo economico locale.

Sabato 27 e domenica 28 giugno c.a. la Fondazione archeologica canosina, con la collaborazione della ditta Tango Renato-servizi per l’archeologia e il turismo, l’associazione “Amici dell’archeologia” ha posto in cantiere la seconda iniziativa turistica, facente parte del calendario delle manifestazioni estive “Le Notti dell’archeologia 2020”.

“Dopo la forzata pausa primaverile, causata dal pandemico virus Covid 19, la FAC”- ha dichiarato il Presidente Fontana- “con caparbietà ha ripreso la sua attività di promozione turistica della città di Canosa, varando un programma di iniziative, con l’intento di riportare i turisti sul territorio.”

Ad oggi, i risultati sono soddisfacenti, le richieste di visite guidate sono pervenute, anche da città del nord Italia, per partecipare ai tour organizzato dalla FAC nei mesi di luglio e agosto prossimi venturi. Canosa, città dell’archeologia, ricca di bellezze e monumenti, testimonianze delle varie epoche storiche, grazie alla costante attività di promozione, sta acquisendo la fisionomia di meta turistica, tanto da avere il riconoscimento da parte della Regione Puglia quale “città d’arte e di cultura”.

“L’impegno nostro”-ha tenuto a precisare il Dott. Sergio Fontana -“sarà costante e mirato ma occorre che anche le istituzioni locali continuino, con maggiori investimenti, nella promozione del territorio.”

Prossimo appuntamento sabato 29 e domenica 30 con l’itinerario “Tra bizantini e crociati” dedicato al periodo paleocristiano e medievale. L’incontro è alle ore 18.30 sabato e domenica in mattinata alle 10.30 e nel pomeriggio alle 18.30 presso il Parco archeologico di San Leucio. Si visiteranno il Parco archeologico di San Leucio, il Battistero di San Giovanni e il Mausoleo di
Boemondo accompagnati dalle guide abilitate dell’ass. Amici dell’archeologia.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Voli cancellati e rimborsi negati. Scatta l’interrogazione alla Commissione Europea

Mar Giu 30 , 2020
L’eurodeputato siciliano Ignazio Corrao: “Escamotage commerciali delle compagnie aeree violano norme UE. Bruxelles tuteli i viaggiatori”. “Continuo a ricevere centinaia di segnalazioni di viaggiatori letteralmente beffati dalle compagnie aeree. In queste settimane è diventata una pratica sistematica da parte dei vettori infatti accettare la prenotazione dei voli e quindi i […]

Archivio