La Nissan GT-R50 by Italdesign ‘veste’ Alcantara

La Nissan GT-R50 by Italdesign è un connubio di tecnologia giapponese e artigianato italiano. Solo 50 esemplari per una supercar in cui è possibile personalizzare tutto, interni ed esterni, richiedendo anche livree ispirate alle GT-R storiche del mondo racing.

Nell’atelier di Italdesign, fondato da Giorgetto Giugiaro, sono necessari quattro mesi di lavoro per realizzare ognuno di questi gioielli a quattro ruote sviluppato da una nuova Nissan GT-R NISMO.

La Nissan GT-R50 by Italdesign, edizione speciale pensata come tributo ai 50 anni della Nissan GT-R e della storia di Italdesign, per gli interni del prototipo, sceglie Alcantara nera in abbinamento alla fibra di carbonio.

A bordo, il materiale realizzato presso l’impianto di Nera Montoro si presenta con molteplici applicazioni: sulla consolle centrale, sul quadro strumenti e sulle portiere – in abbinamento alle finiture in fibra di carbonio, ma anche sul cruscotto e sulla fascia centrale delle sedute, per assicurare massima aderenza in condizioni di guida estrema. Il materiale riveste, inoltre, il volante e il suo corpo centrale con le razze su misura, realizzate in fibre di carbonio, con la tacca rossa a ore 12. Impunture a contrasto bianche e ricami sottolineano la massima attenzione ai dettagli.

Il prototipo di Italdesign si caratterizza per un allestimento che evidenzia il carattere sportivo dell’auto, grazie alle caratteristiche tecniche di Alcantara, tra cui leggerezza, grip e traspirabilità, senza rinunciare all’eleganza. Alcantara consente inoltre, in linea con lo spirito dell’edizione limitata, un alto grado di customizzazione, essendo disponibile in differenti texture e lavorazioni.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Precari e assunzioni, Csa-Cisal: “Basta paletti, governo intervenga”

Mar Giu 30 , 2020
“Le stabilizzazioni di Asu ed ex contrattisti negli enti locali sono indispensabili, così come le nuove assunzioni che dovrebbero colmare i vuoti nelle piante organiche, ma i problemi sull’interpretazione dell’ultima circolare della Funzione pubblica e logiche esclusivamente ragioneristiche rischiano di danneggiare gli enti, che non possono erogare servizi efficienti, e […]

Archivio