Morricone, l’ultimo messaggio: “Funerali privati, non voglio disturbare”  

SPETTACOLO
Morricone, l'ultimo messaggio: Funerali privati, non voglio disturbare

“Io, Ennio Morricone, sono morto”. Si apre così il necrologio che Ennio Morricone ha scritto e che il legale Giorgio Assumma ha letto ai cronisti. “Lo annuncio così a tutti gli amici che mi sono stati sempre vicini e anche a quelli un po’ lontani, che saluto con grande affetto. Impossibile nominarli tutti. Ma un ricordo particolare è per Peppuccio e Roberta, amici fraterni molto fraterni in questi ultimi anni della mia vita. C’è solo una ragione che mi spinge a salutare tutti così e ad avere un funerale in forma privata: non voglio disturbare nessuno”, le parole di Morricone lette dall’avvocato. “Voglio ricordare con amore le mie sorelle e i loro cari e far sapere loro quanto gli ho voluto bene. Un saluto intenso e profondo ai miei figli, mia nuora, i miei nipoti. Spero che comprendano quanto li ho amati. Per ultima Maria, ma non ultima. A lei rinnovo l’amore straordinario che ci ha tenuto insieme e che mi dispiace abbandonare. A lei va il mio più doloroso addio”, prosegue il legale leggendo il messaggio del Maestro. Il decesso, spiega Assumma, è avvenuto alle 2.20 per “complicazioni post-operatorie” dopo una caduta in cui Morricone ha riportato la frattura del femore. “Quando è stato scritto il necrologio? Lo ha scritto prima che cadesse, prima che si facesse male. Evidentemente già sentiva che qualcosa…”, aggiunge.

“Per quanto mi risulta, negli ultimi tempi non stava lavorando. Ma considerando il suo carattere non escludo che in qualche momento si sia messo a scrivere”, dice ancora l’avvocato. La moglie del Maestro “è caduta nel pieno silenzio rispettando anche l’umiltà” del marito “che ha voluto che non si desse pubblicità alla sua morte”. Alle esequie parteciperanno “solo i familiari e forse uno-due amici”. “Lui ha voluto che i funerali si svolgessero in forma assolutamente privata, la famiglia non ha ancora deciso dove e quando si svolgeranno”, spiega il legale. “Però sono stato autorizzato a leggervi il necrologio che Ennio ha scritto con le sue mani”, dice prima di procedere alla lettura.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Taranto, perplessità per la fusione tra Camere di Commercio di Taranto e Brindisi

Lun Lug 6 , 2020
TARANTO – Rinaldo Melucci, Sindaco di Taranto  e Giovanni Gugliotti, Presidente Provincia di Taranto: Riguardo alle attuali forzature ideologiche e ci pare non fondate su dati economici del Mise, rispetto ad una eventuale fusione tra le Camere di Commercio di Taranto e Brindisi, torniamo ad esprimere tutta la nostra perplessità. […]

Archivio