Morta la speaker Susanna Vianello, figlia di Edoardo e Wilma Goich 

SPETTACOLO
Morta la speaker Susanna Vianello, figlia di Edoardo e Wilma Goich

Susanna Vianello sul palco con il padre Edoardo e la madre, Wilma Goich (Fotogramma /Ipa)

È morta questa notte in una clinica romana, dopo una lunga malattia, Susanna Vianello, speaker radiofonica e figlia di Edoardo Vianello e Wilma Goich. Susanna, che avrebbe compiuto 50 anni il prossimo 20 luglio, lavorava da anni in radio. Negli ultimi anni la sua voce era legata a Radio Italia anni ’60 Roma. Tra i primi a dedicarle parole di cordoglio, questa mattina, il suo caro amico Fiorello, che ha pubblicato su Twitter 4 foto che li ritraevano insieme, scrivendo accanto: “La mia amica Susanna è volata via. Abbiamo riso tantissimo… non ti dimenticherò mai“.

Anche il cugino, il giornalista Andrea Vianello, l’ha ricordata su Twitter: “La mia cugina bella e forte, un tornado di talento e di simpatia, Susy Vianello non c’è più. In un mese appena, un tumore cattivo e impietoso l’ha portata via. Avrebbe fatto tra poco appena 50 anni e lascia un figlio di 23. Aveva molto amici, anche qui. Ci mancherà molto”.

Commosso anche il ricordo della cantautrice Emma Marrone: “Ciao Susanna. Grazie per tutte le volte che mi hai fatto sorridere con i tuoi messaggi. Mi si è spezzato il cuore e mi mancherai tanto. Davvero tanto”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Manodopera agricola, dare precedenza ai nostri disoccupati

Mar Apr 7 , 2020
Dichiarazione del segretario generale della Uila-Uil, Stefano Mantegazza “Dati alla mano, per soddisfare il fabbisogno di manodopera agricola dichiarato dal sistema delle imprese, basterebbe che un disoccupato su dieci accettasse di lavorare nel nostro settore. A livello nazionale, risultano disoccupate oltre 2 milioni e mezzo di persone di ogni etnia, […]

Archivio