Piano Coste del Comune, Gioventù Nazionale Lecce: “Lo sviluppo non si crea senza l’aiuto dei privati”

logo comune Lecce

Il Piano Coste firmato dall’Amministrazione Salvemini è l’ennesima batosta all’imprenditoria locale

LECCE – Il Piano applica la legge regionale ma lo fa allargando la fascia destinata a spiaggia libera, danneggiando gli imprenditori balneari: si passa, infatti dal 40% previsto per legge in concessione ai privati ad un ulteriore assottigliamento del 20% di questa quota (quindi un ulteriore -8% in concessione ai privati, ai quali resta il 32% delle spiagge). Il 20 % del restante 60% da non dare in gestione è destinato alla spiaggia libera con servizi.

Salvemini, però, ha scelto incautamente di ridurre il 40% destinato ai privati limitandolo di un ulteriore 20%: i privati avranno a disposizione soltanto il 32% di spiaggia.

L’incauta scelta dell’Amministrazione di ridurre di un ulteriore 20% lo spazio destinato ai privati porterà ad un unico risultato: chiuderanno lidi (anche storici) fondamentali per la vita delle marine leccesi. Perché cancellare le aziende sane in un posto che già fatica a decollare dal punto di vista turistico?

Le marine leccesi sono la Cenerentola del Salento e l’aiuto dell’imprenditoria è fondamentale per un Comune in predissesto che non riesce, per esempio, a garantire nemmeno la pulizia di chilometri di spiaggia a Frigole. In molte spiagge libere vige l’insicurezza e la sporcizia: i privati hanno da sempre avuto un ruolo di guardiania, pulizia e presidio del territorio, anche nelle circostanti spiagge libere.

Il Piano delle Coste di Salvemini è meramente ideologico, non offre soluzioni concrete per garantire servizi, pulizia ed evitare atti vandalici. In questo contesto, al contrario, i privati dovrebbero essere tutelati proprio per la capacità di attivare posti di lavoro, garantire l’ordine perfino delle spiagge libere circostanti e offrire servizi indispensabili (come i servizi igienici) in luoghi per molto tempo abbandonati a sé stessi per la sicurezza e la pulizia dei quali il Comune non ha risorse.

L’anno scorso sono intervenuto con Gioventù Nazionale per denunciare lo stato di abbandono e sporcizia in cui versa una consistente zona di Frigole. Pensiamo che il Comune di Lecce, già insensibile alle emergenze che ci sono, possa gestire da solo e senza risorse un’ulteriore fascia di spiaggia libera caricandosi addirittura il costo dei servizi per le spiagge libere attrezzate?

Io non credo alle favole: credo in una proficua collaborazione tra privato e pubblico in grado di rilanciare le nostre marine, per lunghi tratti abbandonate da anni.

L’articolo Piano Coste del Comune, Gioventù Nazionale Lecce: “Lo sviluppo non si crea senza l’aiuto dei privati” sembra essere il primo su Puglia News 24 quotidiano online, giornale notizie ultim’ora.

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.