Porti: Trieste, rendiconto generale chiude con avanzo 9,9mln

(ANSA) – TRIESTE, 11 GIU – E’ stato approvato all’unanimità, con un avanzo di amministrazione di 9,9 milioni di euro, il rendiconto generale per il 2019 dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale. L’approvazione è avvenuta nel corso di una riunione del Comitato di Gestione, svoltasi oggi alla Torre del Lloyd.
    Il patrimonio netto non vincolato supera i 120 milioni di euro.
    Nel contesto degli aspetti positivi della gestione, va rilevato che l’indicatore annuale della tempestività dei pagamenti dell’Amministrazione, ha registrato nel 2019 un dato medio pari a -16,5 giorni rispetto alle previste scadenze contrattuali.
    La seduta odierna è stata guidata dal Commissario straordinario, Mario Sommariva che sta garantendo la continuità nella gestione degli atti dell’Authority giuliana, dopo la destituzione di Zeno D’Agostino in seguito a una delibera dell’Anac.
    “La parte amministrativa non ha subito rallentamenti – ha dichiarato Sommariva – ma siamo molto preoccupati per la reputazione del nostro sistema all’estero. E’ difficile spiegare ai partner stranieri cosa è successo al vertice del porto di Trieste. Non c’è un danno di immagine solo di una persona, ma di una città, di un porto, di una comunità, di un Paese. Un danno enorme che potrebbe avere conseguenze pesanti sulla società e sull’economia, se il problema non si risolve tempestivamente”.
    Il Comitato ha inoltre approvato due importanti provvedimenti per il porto di Monfalcone. Il primo riguarda la modifica del regolamento delle operazioni portuali. Viene istituita per la prima volta nel porto di Monfalcone la figura del terminalista, che permetterà di prevedere lo sviluppo di investimenti privati e un utilizzo più razionale delle aree portuali, ad oggi frammentate in piccole aree gestite con scadenze differenziate.
    Il secondo provvedimento, introduce invece, una nuova disciplina per le soste temporanee, incentivando la rotazione dell’utilizzo delle aree in banchina.
    A margine della seduta, Sommariva si è soffermato anche sull’emergenza legata al Covid: “Le sfide che ci attendono nel secondo semestre dell’anno, saranno incentrate sul mantenimento e la salvaguardia degli elevati standard di servizio e sicurezza nei porti di Trieste e Monfalcone che hanno risposto alla pandemia con encomiabile resilienza e con la fattiva collaborazione di tutti: istituzioni, imprese e lavoratori”.
    (ANSA).
   

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Industria autoveicoli, indice Istat -100% in aprile 2020

Gio Giu 11 , 2020
Anche se il periodo della quarantena più stretta appare ormai lontano, l’indice Istat sul mese di aprile 2020 riporta prepotentemente all’attenzione le conseguenze che il coronavirus ha avuto sull’industria degli autoveicoli. Secondo i dati diffusi dall’Istat in pieno lockdown il risultato congiunturale di aprile 2020 ha segnato un -100% rispetto […]

Archivio