Rifiuti: Close the Glass Loop, al via la piattaforma europea del vetro 

Close the Glass Loop, al via la piattaforma europea del vetro

Un programma che mette in rete l’intero ecosistema europeo degli imballaggi in vetro per promuovere il riciclo ‘da bottiglia a bottiglia’ e portare la raccolta differenziata del vetro da avviare al riciclo al 90% entro il 2030, in tutta Europa. E’ ‘Close the Glass Loop’, iniziativa promossa dalla Federazione Europea dei contenitori in vetro (Feve).

Il vetro è riconosciuto leader nella circolarità: riciclabile all’infinito, con un tasso di raccolta differenziata per il riciclo del 76% in Europa. In Italia, nel 2019, il tasso di riciclo è del 77,3%, equivalente ad un tasso di raccolta differenziata dell’87%. Attraverso la virtuosa pratica del riciclo del vetro, in Ue ogni anno vengono risparmiate oltre 12 milioni di tonnellate di materie prime e si evitano oltre 7 milioni di tonnellate di CO2. Si risparmia inoltre il 2,5% di energia e il 5% di CO2 per ogni 10% di vetro riciclato nel forno.

“L’Italia da sempre è stata molto attiva nella raccolta e nel riciclo del vetro – osserva Gianni Scotti, presidente di CoReVe (Consorzio Recupero Vetro) – e i risultati già ottenuti rendono più semplice raggiungere l’obiettivo numerico posto dalla piattaforma europea. Ma, al di là dei numeri, ‘Close the Glass Loop’ servirà a evidenziare e diffondere le buone pratiche, a migliorare la qualità delle raccolte differenziate, a uniformare e razionalizzare i sistemi in un’ottica europea”.

L’iniziativa, che riunisce dodici Federazioni europee che rappresentano produttori di vetro, trasformatori, brand, organizzazioni per il recupero degli imballaggi e Comuni, vede l’adesione da parte dell’Italia di Assovetro e CoReVe e il coinvolgimento di tutti i partner nazionali in ogni Stato membro dell’Ue.

Il piano d’azione europeo, presentato da Michel Giannuzzi, presidente di Feve, ha la finalità di affrontare le sfide strutturali nella catena di raccolta e riciclo del vetro partendo dai Comuni, visti come attori chiave per mobilitare la raccolta. I partner di ‘Close the Glass Loop’ stabiliranno una forte partnership con le autorità locali per aumentare la raccolta di vetro, migliorarla nelle grandi città e nelle aree turistiche e garantire che l’uso, la raccolta e il riciclo dei contenitori di vetro siano supportati meglio da linee guida e da strumenti comuni in tutte le fasi.

“Il vetro è un ottimo esempio – commenta in un videomessaggio Virginijus Sinkevičius, commissario europeo per l’Ambiente, la pesca e gli oceani – di materiale circolare. Si stanno già raggiungendo risultati eccezionali nella raccolta e nel riciclo. Ma oggi occorre dimostrare di voler fare di più, di essere determinati ad alzare il livello di qualità in tutta l’Ue e cercare spazi di miglioramento lungo tutta la filiera. Sono fiducioso che la piattaforma Close the Glass Loop rappresenterà un trampolino di lancio verso i livelli più alti della gerarchia dei rifiuti”.

“Abbiamo il vantaggio di lavorare – osserva Michel Giannuzzi, presidente della European Container Glass Federation (Feve) – con un materiale al 100% e infinitamente circolare per natura, che è già una storia di successo in termini di sostenibilità. Più ricicliamo il vetro, meno rifiuti creiamo e meno utilizziamo risorse vergini, producendo allo stesso tempo imballaggi premium in termini di conservazione della qualità, salute e sicurezza. Oggi, il 76% degli imballaggi in vetro nel mercato dell’Ue è raccolto per il riciclo, ma c’è ancora molto da fare. Dobbiamo cogliere appieno i vantaggi offerti dal vetro e riciclare di più e meglio. A tal fine, abbiamo bisogno dell’impegno attivo dell’intera filiera”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

T-shirt shock: 8 indagati dalla Procura di Udine

Mer Lug 1 , 2020
(ANSA) – UDINE, 30 GIU – Otto persone sono state iscritte nel registro degli indagati dalla Procura della Repubblica di Udine per le accuse, a vario titolo, di istigazione a delinquere e incitamento all’odio razziale in relazione alla vicenda della t-shirt shock “Centro Stupri” indossata da alcuni giovani residenti a […]

Archivio