Riparte indagine di sieroprevalenza in Umbria

(ANSA) – PERUGIA, 29 GIU – Saranno 2.500 gli umbri coinvolti, previa chiamata telefonica, nella seconda fase dell’indagine per rilevare la sieroprevalenza dell’infezione da virus Sars-CoV2 attraverso un test: lo comunica l’assessore alla Salute della Regione Umbria, Luca Coletto, informando che lo studio, promosso dal ministero della Salute e dall’Istat, con la collaborazione della Croce rossa italiana, in Umbria ripartirà domani, 30 giugno, e interesserà circa 1.400 persone residenti nel territorio dell’Usl Umbria 1 e 1.100 dell’Usl Umbria 2.
    L’indagine epidemiologica sul territorio regionale è stata avviata lo scorso 26 maggio e si è conclusa il 12 giugno.
    Complessivamente nelle due fasi di rilevazione saranno coinvolti 5.275 residenti.
    Dal 26 maggio al 12 giugno i prelievi sono stati 2.039, con soli 20 casi di positività al test poi risultati negativi al controllo successivo mediante tampone molecolare.
    “Aderire alla rilevazione – afferma l’assessore Coletto – non è obbligatorio, ma è importante per la tutela della salute della nostra comunità”. (ANSA).
   

admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Cade in bici, resta grave ispettore polizia in congedo

Lun Giu 29 , 2020
Resta ricoverato nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Parini di Aosta Gualtiero Giovanardi, di 62 anni, caduto sabato pomeriggio durante una escursione in mountain bike lungo la strada sterrata verso il rifugio Chalet de l’Epée, in Valgrisenche. Ha riportato un politrauma ed un trauma cranico e la prognosi è riservata. Giovanardi, […]

Archivio