Taranto, Lezzi: “Cambiamento che portiamo è darle un’alternativa”

comune Taranto logo

“Grazie a Di Maio, tutto il Movimento ha deciso di affidargli il Cis a dimostrazione del valore che diamo alla città”

TARANTO – “Il ministro Di Maio prima ha toccato un elemento molto importante: la dipendenza economica di questa città dal siderurgico e, secondo me, il cambiamento che noi possiamo portare a Taranto è quello di darle un’alternativa, un’altra possibilità, un’altra opportunità“.

Lo ha detto il ministro per il Sud, Barbara Lezzi, nel corso del suo intervento al tavolo del Cis Taranto, che si è svolto questa mattina in Prefettura.

Voglio ringraziare il ministro Di Maio e il MoVimento 5 stelle perché – aggiunge Lezzi – abbiamo deciso, tutti insieme, di dare a lui la presidenza di questo tavolo proprio per significare l’altro valore politico che ha per noi questa città. Lo ringrazio di questa grande responsabilità che si è preso. ringrazio anche gli altri ministri, che ci stanno mettendo la faccia su questo cronoprogramma, perché significa venire qui ogni due mesi con dei risultati.

Le risorse, i soldi, ci sono e sono già destinati non solo a Taranto ma anche ad altre realtà che vivono situazioni di disagio ma, fino ad ora c’era stata molta sciatteria. Io la chiamo cosi e non c’è altra definizione. Quando le istituzioni non fanno il loro dovere, ma fanno solo politica, molto spesso poi si arenano progetti e nuove possibilità per i cittadini. La frustrazione e il senso di rabbia che provano giustamente i cittadini di Taranto è provocata anche dall’impossibilità di avere un’alternativa per questa città. Abbiamo voluto in maniera cosciente non portare qui altre risorse – conclude il ministro – perché ritengo che che la vera cura, il vero riguardo, che si può dare a questa citta, cosi come a tutto Sud, è quella di spendere bene le risorse che sono già a disposizione“.

L’articolo Taranto, Lezzi: “Cambiamento che portiamo è darle un’alternativa” sembra essere il primo su Puglia News 24 quotidiano online, giornale notizie ultim’ora.

You May Also Like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.